Atmosfera marina 

Le zone costiere, insieme a tutta la fascia di territorio interessata dai venti spiranti dal mare, costituiscono per le coperture metalliche uno degli ambienti più aggressivi dal punto di vista della corrosione elettrochimica. La presenza di elevati livelli di umidità e le forti concentrazioni di cloruro di sodio determinano un violento attacco corrosivo sulle superfici metalliche non adeguatamente protette.Le alte temperature accelerano il fenomeno. Le condizioni di estrema aggressività dell’atmosfera marina, con elevate concentrazioni di cloruro di sodio e presenza di forte umidità, vengono riprodotte nella camera di prova di resistenza in nebbia salina secondo ISO 9227.

Atmosfera industriale 

L’atmosfera di tipo industriale non è circoscritta soltanto alle zone fortemente inquinate da anidride solforosa e da altri composti chimici caratteristici degli agglomerati industriali, ma si estende a tutte quelle regioni che sono sottovento rispetto ai venti dominanti provenienti dalle zone più inquinate. L’azione delle sostanze chimicamente aggressive, spesso in combinazione con elevati livelli di umidità relativa, producono un rapido decadimento delle normali coperture metalliche.La causa principale di corrosione nelle atmosfere urbane è costituita dalla presenza nell’aria dei residui di combustione degli idrocarburi. Molti sono gli agenti inquinanti rintracciabili ma l’anidride solforosa ha normalmente una concentrazione superiore ad ogni altro. Specialmente se in presenza di umidità (sotto forma di nebbia, rugiada, condensa ecc..), l’anidride solforosa determina delle condizioni di particolare aggressione per i metalli.

0
0
0
s2smodern