Con le detrazioni fiscali, si può accedere ad una serie di vantaggi per migliorare l’efficienza energetica degli edifici abitativi. Ecco come sfruttare il Superbonus 110% per rifare il tetto di casa o del condominio.   

Tetto elevata efficienza Ondulit ItalianaÈ possibile rifare il tetto della propria abitazione, sia essa casa privata o condominio, sfruttando il Superbonus del 110%. L’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio va ad elevare al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 per tutti gli interventi finalizzati a migliorare l’isolamento termico, gli impianti di climatizzazione invernale e la stabilità antisismica degli edifici. Il rifacimento della copertura rientra tra gli interventi di isolamento termico sugli involucri degli edifici e per questo beneficia delle agevolazioni previste dal Superbonus 110%. 

Rifare il tetto: intervento trainante o trainato?  

L’agevolazione del Superbonus spetta per tutti quegli interventi giudicati “trainanti”, ovvero di isolamento termico, adeguamento antisismico e sostituzione impianti di climatizzazione. Gli interventi di isolamento termico dell’involucro dell’edificio (tetto e pareti) devono riguardare almeno il 25% della superficie totale disperdente. A questi, possono essere sommati interventi “trainati”, al fine di assicurare all’unità immobiliare il miglioramento di almeno due classi energetiche. Gli interventi trainati rientrano nel Superbonus 110% solo se accorpati ad un intervento “trainante”. Tra gli interventi “trainati” ritroviamo lavori di efficientamento energetico e di installazione di impianti fotovoltaici. 

Il rifacimento del tetto rientra tra gli interventi trainanti quando interessa una superficie pari ad almeno il 25% della superficie totale disperdente.  

Se la superficie del tetto è inferiore al 25% del totale?  

In questo caso, il suo rifacimento non è considerabile intervento trainante. Sarà possibile provvedere alla sua ristrutturazione accedendo ugualmente alle detrazioni, in due modalità:  

  • Intervento trainato di “Efficientamento energetico secondo Ecobonus (DL 2013)”, da accumulare ad un altro intervento trainante, climatizzazione invernale o intervento antisismico. Si accede comunque al Superbonus 110%.  
  • Intervento di “Efficientamento energetico secondo Ecobonus (DL 2013)”, se non si effettuano interventi trainanti di climatizzazione invernale o intervento antisismico. Si accede allo sgravio fiscale del 65%, non al Superbonus 110%.   

Chi può accedere al Superbonus 110%?  

  • Condomini;
  • Persone fisiche;
  • Istituti autonomi case popolari;  
  • Cooperative di abitazione;
  • Onlus, associazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale;
  • Associazioni e società sportive dilettantistiche; 

Come scegliere un buon tetto?  

Una volta appurato che il rifacimento della copertura della propria abitazione o condominio abbia i requisiti formali per accedere al Superbonus del 110%, occorre accertarsi che gli interventi che si andranno a realizzare apportino realmente migliorie all’edificio. L’obiettivo è che l’edificio consumi meno energia per riscaldarsi d’inverno e raffrescarsi d’estate. Il miglioramento deve essere certificato da un tecnico abilitato che, all’interno del documento APE, attesti l’avanzamento di almeno due classi energetiche. Per ottenere tale risultato è necessario scegliere materiali isolanti altamente performanti in modo da ridurre la quantità di calore scambiata tra l’interno e l’esterno dell’edificio e viceversa.   

Trasmittanza termica e percentuale minima di contenuto riciclato 

I requisiti tecnici per accedere al Superbonus sono chiari: per poter ottenere la detrazione fiscale è necessario realizzare stratigrafie di copertura e parete che rispettino i valori di trasmittanza termica U imposti dal DM 6 Agosto 2020. La soglia di isolamento termico è definita tenendo conto delle temperature medie nelle 6 zone climatiche in cui è divisa l’Italia. Nelle zone più calde i valori di trasmittanza termica U non devono superare il valore di 0,27 W/m²K (si legge “Watt per metro quadrato Kelvin”), nelle zone più fredde la soglia si abbassa a 0,19W/m²K. Inoltre, è necessario che i materiali isolanti utilizzati rispettino i criteri ambientali minimi, i cosiddetti CAM (DM 11.10.2017), garantendo una percentuale di contenuto riciclato.   

Ondulit al top per valori di trasmittanza, CAM e non solo 

Le stratigrafie con lastre Ondulit Coverib e i pannelli Coverpiù garantiscono i migliori standard di isolamento termico, garantendo la trasmittanza minima richiesta pari a 0,19 W/m²K.  

Inoltre, Ondulit utilizza come isolante il Polistirene espanso sinterizzato, certificato per contenuto di materiale riciclato maggiore del 10%.   

Certificazioni che rendono i prodotti Ondulit una garanzia per l’efficientamento energetico del tuo edificio, con un occhio di riguardo rivolto all’ambiente, al suo rispetto, e alla riciclabilità delle materie prime impiegate in edilizia. 

Informazioni

GEDIL è agenzia per le province di Cosenza, Catanzaro, Reggio Calabria, Vibo Valentia e Crotone   

ondulit italiana

 Ondulit Italiana Spa

SISTEMI DI COPERURA IN ACCIAIO A PROTEZIONE MULTISTRATO
rego
 
SISTEMI ANTICADUTA - DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO - LINEE VITA - PARAPETTI 
basso luce aria  
LUCERNARI FISSI - LUCERNARI APRIBILI - EVACUATORI E TENDE TAGLIA FUMO

 

Contatti

GEDIL di Gallo Fabio & C. sas
Via Panebianco 164 - Scala C
87100 Cosenza (CS)

Tel +39.0984.404310

Fax +39.0984.1801367

envelope regular info@gedilsas.it